Nonostante il rapido sviluppo della scienza moderna e delle ultime tecnologie in ogni area della nostra vita, compresa la medicina, l'umanità a volte deve affrontare problemi seri, come la pandemia di coronavirus. E poi pensi: come hanno affrontato le persone nei tempi antichi?

La guarigione dei malati ai tempi dell'antica Russia

Nei tempi antichi le persone si rivolgevano ai Magi, ai guaritori, agli erboristi, farina d'avena o cauzione . Gli ultimi due termini derivano dalla parola "bayati", cioè malattie che si cercava di curare con il potere delle parole: conversazioni e fiabe. Le ostetriche hanno aiutato le donne in travaglio e gli osteopati hanno aiutato a sbarazzarsi dei problemi spinali. I medici popolari venivano chiamati "chiamanti". Sono menzionati nella più antica raccolta di leggi "Russian Truth", compilata all'inizio dell'XI secolo durante il regno di Yaroslav il Saggio. È stato ripetutamente riscritto e integrato. Questa raccolta stabiliva legalmente la remunerazione delle persone e coloro che causavano danni alla salute di un altro venivano multati, che andavano al tesoro dello Stato, e il colpevole doveva pagare per il trattamento della vittima.

Le medicine di quel tempo potevano essere di origine vegetale o animale. Tra le piante più utili sono state considerate: assenzio, piantaggine, ortica, cardo, foglie di betulla, fiori di tiglio e, ovviamente, aglio, cipolla, rafano. Alcuni trattamenti erano associati a tradizioni e credenze popolari. Ad esempio, si credeva che chiunque avesse trovato un fiore di felce avrebbe ricevuto forza e saggezza. Tra le droghe di origine animale un posto speciale era occupato da latte e prodotti a base di latte acido, latte di cavalla (koumiss), miele, strutto, bile, fegato di merluzzo crudo. Anche per alcune malattie si utilizzavano mezzi di origine minerale: pietra crisolite in polvere (per dolori addominali), argento, mercurio, solfato di rame e antimonio. "Acqua acida" o narzan era considerata utile, il cui uso è sopravvissuto fino ad oggi. La stessa parola "narzan" significa "acqua-eroe".

La personalità di S. Agapit di Pechersk

Insieme alla medicina popolare, c'erano anche una chiesa e una medicina del monastero. Così, nella prima metà dell'XI secolo presso la Kiev-Pechersk Lavra, che si trovava alla periferia di Kiev, fu organizzato un ospedale del monastero. C'erano stanze speciali attrezzate per i malati gravi, dove venivano curati dai monaci e pregato per la loro salvezza. Il primo abate del Pechersk Lavra - Anthony era un uomo famoso e rispettato tra i fedeli anche per il fatto che andavano da lui per la guarigione. Agapit (a volte Agapius) Pechersky una volta aveva un taglio di capelli da Anthony. Non si sa quando sia nato, ma è arrivato al monastero in età abbastanza matura, ascoltando storie sulle incredibili capacità di Anthony come guaritore.

Il suo nuovo nome - Agapit significava "amore divino" per una ragione. Aveva un senso di compassione per i malati, gli storpi e semplicemente svantaggiati. Agapit ha mostrato notevoli capacità di guarigione e "è stato chiamato un guaritore" si dice in "Paterik Kyiv-Pechersk". Per il suo aiuto, il monaco non prendeva mai uno stipendio, la gente andava al monastero da ogni parte e se ne andava già sana.

Cosa e come Agapit ha cercato di curare i malati

I cronisti di quel tempo descrivono che Agapit Pechersky, oltre alla capacità di guarire, aveva qualche sentimento interiore e spesso andava dai malati per aiutare. Li sollevò e li impilò lui stesso, recitando continuamente preghiere per la salvezza e dando loro decotti di erbe che lui stesso preparava. Vale la pena notare che Agapit aiutava le persone solo con quelle pozioni che usava personalmente ogni giorno. Cioè, prima di trattare gli altri, il monaco ha sperimentato l'effetto di curare i decotti su se stesso. E, oltre alla medicina, la preghiera buona e sincera ha dato alle persone fiducia nel recupero e un'ulteriore vita felice, perché un atteggiamento positivo è molto importante per il recupero.

La miracolosa salvezza di Vladimir Monomakh

Secondo le cronache di quel tempo, il granduca Volodymyr Vsevolodovich Monomakh si ammalò a Chernihiv. La malattia che lo colpì era estremamente grave, era una questione di vita o di morte. Il principe fu curato dal più famoso medico armeno in quel momento, ma nulla aiutò. Quindi, sentendo parlare delle straordinarie capacità di Agapit Pechersky, ordinarono di mandarlo a chiamare. Ma il monaco delle caverne rifiutò, spiegando di non essere mai uscito dalle mura del monastero, solo per l'erba. Su richiesta personale dell'abate, ha risposto: "Se vado dal principe in questo caso, allora andrò da tutti. Ti chiedo, Padre, di non condurmi fuori dai cancelli del monastero - a causa della gloria umana. Ho promesso di scappare da lei davanti a Dio fino al mio ultimo respiro ". Diede solo la sua pozione ai messaggeri e iniziò a pregare ardentemente per la guarigione di Monomakh.

Accadde così che presto Volodymyr Vsevolodovich stesso visitò il monastero per ringraziare il monaco per la sua salvezza e gli regalò un pacchetto d'oro, ma il medico si rifiutò di incontrarlo. La volta successiva che il principe inviò i suoi boiardi con un pacco, Agapit accettò il regalo, ma gettò tutto l'oro fuori dai cancelli del monastero in modo che tutti i bisognosi potessero usarlo.

Avversari e nemici dei metodi di trattamento di Agapit Pechersky

I caratteri e le abitudini umane non cambiano con le generazioni. In ogni momento, ci sono persone pronte a sacrificarsi, e ci sono persone che vedono solo il male e il beneficio in ogni cosa. Mentre la fama del monaco Pechersk Lavra si diffondeva in tutto il mondo, apparvero molti invidiosi e oppositori del suo trattamento. Alcuni mettevano in dubbio la sua capacità di guarire, altri lo invidiavano per non aver ottenuto un successo simile e non credevano nell'altruismo del monaco. Il più grande nemico di Agapit era lo stesso medico armeno che non riuscì a guarire Vladimir Monomakh. L'invidia riempiva la sua anima così tanto che era pronto a tutto.

Quando lo stesso Agapit si ammalò gravemente, perché a quel tempo era piuttosto vecchio, il suo avversario lo visitò per apprendere i segreti della sua guarigione miracolosa, e l'armeno non fu soddisfatto della risposta, concluse che il vecchio non capiva la medicina e, guardandolo Lo stato ha osservato che mancavano al massimo tre giorni di vita e, se le sue parole non si fossero avverate, ha promesso di servire Dio nel monachesimo. Ma Agapit ha risposto che sarebbe vissuto per almeno tre mesi. Ecco perché si sono separati. Il beato Agapit visse altri tre mesi e morì intorno al 1095, a giugno. L'armeno mantenne la sua parola, accettò l'Ortodossia e iniziò a servire come monaco nel monastero di Pechersk.

Riverenza per la memoria del santo

Da allora, il giorno del ricordo di Agapit Pechersky è il 14 giugno (1 giugno nel vecchio stile). Durante la sua vita, il guaritore è stato soprannominato il "libero professionista" perché era un uomo altruista e non ha mai pagato per le sue cure. Dopo la sua morte, Agapit Pechersky fu canonizzato dalla Chiesa ortodossa come monaco e sepolto nelle vicine grotte di Kiev-Pechersk Lavra. Dal 1998, la Chiesa di Agapit di Pechersk è stata fondata a Shuliavka a Kiev, e dal 2006 è operativa nella chiesa di nuova costruzione nel parco intitolato Pushkin. L'Associazione tutta ucraina di malattie infettive ha assegnato al santo una medaglia per i servizi eccezionali nell'infettologia ucraina. Le sue reliquie sono state negli allori per 9 secoli e le persone vengono tutte da lui per essere guarite e sperare in aiuto. Si stanno ancora scrivendo libri su sant'Agapit di Pechersk, si sta sviluppando la dottrina della natura del suo potere curativo ei fedeli dichiarano sempre "la settimana santa di sant'Agapit" a febbraio.

il testo: Svetlana Ostanina
collages: Karina Hryliuk

Materiali popolari

Sei salito versione beta sito web rytmy.media. Ciò significa che il sito è in fase di sviluppo e test. Questo ci aiuterà a identificare il numero massimo di errori e inconvenienti sul sito e rendere il sito conveniente, efficace e bello per te in futuro. Se qualcosa non funziona per te o vuoi migliorare qualcosa nella funzionalità del sito, contattaci in qualsiasi modo conveniente per te.
BETA