Pubblichiamo una traduzione del testo di Dmytro Oharko che l'attuale situazione con il coronavirus e la malattia del mondo sta cercando di dire alla gente.

brace
Dmitry Ogarko

ortopedico, osteopata «Cliniche di osteopatia del Dr. Ogarko»

La prima domanda che faccio ai miei pazienti è: cosa ti preoccupa?
La seconda domanda: che cosa ti impedisce di fare la tua malattia?
Terza domanda: quale delle tue azioni riduce il dolore?

Perché dovrei chiedere di questo?
Perché la soluzione alla causa di qualsiasi malattia sta nei limiti a cui questa malattia porta. E il modo più rapido per il trattamento è ottenere i consigli che il nostro corpo ci offre.

Qualcuno fa male alla schiena, ad esempio, per un allenamento eccessivo e smette di ferire durante il riposo. E per qualcuno al contrario: il mal di schiena si preoccupa quando una persona smette di praticare sport.

E cosa farne adesso?
L'antica domanda shakespeariana: allenarsi o non allenarsi?
Ma non si tratta di allenamento, non di avere un senso della proporzione in ciò che facciamo. Questa è la pietra angolare di tutti i problemi sulla Terra. Sfortunatamente, il senso delle proporzioni non è una qualità innata di una persona. Ma è lei che diventa una qualità acquisita nel processo di qualsiasi malattia.

Se siamo molto diligenti in qualcosa o, al contrario, troppo inattivi, alla fine c'è una malattia.

La malattia è una specie di "allarme", che funziona quando lo "esageriamo" in qualcosa. L'aereo cade. E la cosa più stupida che puoi fare è svitare la lampadina sul pannello di controllo del velivolo.

La malattia è un indizio. Ci dice cosa non fare e cosa, al contrario, sarebbe un bene per noi. Se hai l'influenza, non andare "appeso", ma resta a casa, sdraiati a letto e bevi il tè al limone. E poi tutto andrà bene.

Ed è quello che sto conducendo.
Oggi il mondo è malato. Lui è malato. E questo che cos'è la malattia NON lo consente Il mondo da fare? Fondamentalmente, queste sono tre cose:

  • fretta;
  • consumare;
  • Piano.

E perché questo la malattia spinge a seguire?

  • rallentare e rilassarsi;
  • goditi ciò che hai;
  • già oggi provate a fare ciò che è veramente importante per noi: prendersi cura della propria salute, visitare (in modo sicuro) i genitori, scrivere un libro, disegnare un quadro, raccontare i propri sentimenti a coloro che da tempo desideravano dirlo ... Tutto ciò lo faranno da tempo, ma mancava il tempo o l'energia.

È tutto molto semplice. Hai solo bisogno di ascoltare le punte della malattia stessa. Sentiti libero di goderti quello che hai.
E il mondo si sta riprendendo.

il testo: Dmitry Ogarko
collages: Victoria Mayorova

Materiali simili

Materiali popolari

Sei salito versione beta sito web rytmy.media. Ciò significa che il sito è in fase di sviluppo e test. Questo ci aiuterà a identificare il numero massimo di errori e inconvenienti sul sito e rendere il sito conveniente, efficace e bello per te in futuro. Se qualcosa non funziona per te o vuoi migliorare qualcosa nella funzionalità del sito, contattaci in qualsiasi modo conveniente per te.
BETA